Gatto leopardo

Classificazione scientifica del gatto leopardo

Regno
Animalia
Phylum
Chordata
Classe
Mammalia
Ordine
Carnivora
Famiglia
Felidae
Genere
Prionailurus
Nome scientifico
Prionailurus bengalensis

Stato di conservazione del gatto leopardo:

Minima preoccupazione

Posizione del gatto leopardo:

Asia

Fatti del gatto leopardo

Preda principale
Roditori, lucertole, insetti
Caratteristica distintiva
Dita palmate e pelliccia maculata
Habitat
Foreste tropicali
Predatori
Leopardo, tigre, cane selvatico
Dieta
Carnivoro
Dimensione media della lettiera
3
Stile di vita
  • Solitario
Cibo preferito
Roditori
genere
Mammifero
Slogan
Ci sono 11 specie diverse!

Caratteristiche fisiche del gatto leopardo

Colore
  • Grigio
  • Giallo
  • Nero
  • bianca
Tipo di pelle
Pelliccia
Massima velocità
45 mph
Durata
10-13 anni
Peso
2,2 kg - 7,5 kg (4,9 libbre - 17 libbre)
Lunghezza
46 cm - 65 cm (18 pollici - 26 pollici)

'Un piccolo, ma dominante, predatore.'



Il gatto leopardo è una piccola specie di felino originaria di molte diverse regioni asiatiche e indiane. Questi gatti sono divisi in quasi una dozzina di sottospecie diverse, sebbene la maggior parte condivida segni di colore distintivi e dita palmate che facilitano le loro avventure acquatiche. Questi minuscoli cacciatori hanno le dimensioni di un normale gatto domestico e in genere sopravvivono cacciando roditori o altre piccole creature. Nonostante la loro bassa statura, sono considerati un predatore dominante in molti degli ambienti in cui vivono.



Incredibili fatti sul gatto leopardo!

  • I segni includono un muso bianco e strisce facciali.
  • Le loro zampe palmate li rendono nuotatori potenti e abili.
  • Alcuni gatti leopardo hanno una singola striscia che corre lungo la colonna vertebrale.
  • Molte popolazioni insulari si sono sviluppate in una sottospecie distinta.
  • Possono vivere in foreste o giungle e climi umidi o secchi.

Nome scientifico del gatto leopardo

La specie di gatto leopardo è anche conosciuta con il nome scientifico Prionailurus bengalensis ed è classificato come parte della famiglia Felidae nella classe Mammalia. Il genere Prionailurus deriva il suo nome dalla parola greca 'prion', che indica uno strumento per segare, e 'ailur', che si traduce in gatto. Il nome della specie, bengalensis, indica la regione dell'Asia del Bengala.

Le sottospecie note includono:



  • P. bengalensis heaneyi
  • P. bengalensis rabori
  • P. bengalensis bengalensis
  • P. bengalensis javenensis
  • P. bengalensis sumatranus
  • P. bengalensis iriomotensis

Aspetto e comportamento del gatto leopardo

I gatti leopardo sono quasi identici in statura al felino addomesticato potresti trovare nelle case di tutto il mondo. In genere pesano tra 5 e 20 libbre, a seconda del sesso e dell'età, e generalmente variano da 18 a 30 pollici di lunghezza. Come suggerisce il nome, questi felini hanno spesso una pelliccia gialla o arancione con macchie distinte che ricordano i loro cugini leopardi molto più grandi. Tuttavia, ci sono molti colori e variazioni di marcatura tra le diverse sottospecie, specialmente quelle locali di isole specifiche.

Come molti altri felini, questi piccoli gatti selvatici preferiscono uno stile di vita isolato al di fuori della stagione degli amori. Mentre sono principalmente cacciatori notturni, a volte si avventurano durante le ore diurne. Nonostante vivano e vagano spesso in prossimità di insediamenti umani, raramente sono socievoli con le persone e spesso evitano il contatto o l'interazione diretti.

Gatto leopardo a riposo

Habitat del gatto leopardo

Trovati nelle regioni tropicali del sud-est asiatico, in India e in varie isole, questi gatti hanno una forte preferenza per le aree boschive vicine all'acqua. Le loro zampe palmate li rendono abili nuotatori, quindi non si preoccupano di attraversare specchi d'acqua o persino di cacciarci in cerca di cibo. Hanno anche forti capacità di arrampicata, che li servono bene quando cacciano o cercano una via di fuga.



Dieta del gatto leopardo

Grazie al loro adattamento agli ambienti sia forestali che acquatici, questi piccoli predatori godono di una dieta carnivora diversificata. Ratti , topi, e altri roditori sono spesso una fonte primaria di cibo, ma possono anche prendere di mira gli uccelli, lucertole , insetti e animali acquatici. A differenza di molti dei loro fratelli felini, i gatti leopardo non sono noti per giocare con il loro cibo e tendono ad attaccarsi saldamente fino a quando la preda non è morta. Sebbene siano tecnicamente carnivori, possono anche mangiare la materia vegetale indipendentemente o durante il consumo della preda.

Predatori e minacce del gatto leopardo

La caccia umana, la costruzione di case e lo sviluppo generale sono la principale minaccia per le popolazioni di gatti esistenti nelle loro regioni native. Tuttavia, sono anche vulnerabili ai predatori carnivori più grandi e fanno affidamento sul loro furtivo e criptico modello di pelliccia per sfuggire al pericolo. Specie feline più grandi, come quelle reali leopardi e Tigri del Bengala , così come i grandi uccelli predatori sono tra le potenziali minacce.

Nonostante le normative protettive in molti paesi, questi felini sono spesso intrappolati o cacciati per la loro sorprendente pelliccia. Anche gli agricoltori e i residenti rurali li uccidono occasionalmente per difendere il pollame domestico, che è un bersaglio allettante per i predatori che vivono vicino agli insediamenti umani. Le popolazioni naturali di gatti leopardo stanno diminuendo in molte aree, ma sono ancora considerate minima preoccupazione in priorità di stato di conservazione.

Riproduzione del gatto leopardo, bambini e durata della vita

A causa della vastità degli ambienti nativi nelle regioni asiatiche e indiane, vi sono molte variazioni nelle abitudini di allevamento locali. I gatti leopardo in genere si accoppiano da settembre a marzo, ma questa stagione può estendersi durante tutto l'anno nelle zone più calde. I maschi sono territoriali e competitivi rispetto alle femmine durante l'accoppiamento, il che è in netto contrasto con la loro natura altrimenti solitaria.

Le femmine partoriscono dopo un periodo di gestazione di 8-10 settimane con una cucciolata media di 2-4 gattini. I gatti in gravidanza di solito cercano una tana protetta vicino al suolo, come un tronco cavo o una formazione rocciosa. I gattini iniziano ad aprire gli occhi entro una o due settimane e possono iniziare a cacciare da soli dopo 3 o 4 mesi. Tuttavia, le madri possono crescere e insegnare ai loro piccoli per quasi un anno, ovvero quando i bambini iniziano a raggiungere la maturità sessuale.

La durata media della vita dei gatti leopardo varia tra gli 8 ei 12 anni, con animali domestici o in cattività noti per vivere per oltre 15 anni. I tassi di sopravvivenza in genere diminuiscono drasticamente nelle aree con un disturbo umano significativo rispetto alle aree protette. Diverse malattie virali feline, tra cui il virus della leucemia felina (FeLV) e il virus dell'immunodeficienza felina (FIV), possono avere un impatto su questi gatti e ridurre la loro aspettativa di vita.

Popolazione del gatto leopardo

Essendo la piccola specie felina più diffusa in Asia, questi gatti hanno ancora una popolazione relativamente consistente e stabile in molti paesi diversi. Si trovano attualmente a nord fino alla Corea e alla Russia orientale, a sud fino all'Indonesia e ad ovest in tutta la regione montuosa del Nepal. La loro gamma nativa comprende praticamente tutti i paesi tra Corea e India.

Gatto leopardo nello zoo

I gatti leopardo possono essere trovati nei seguenti zoo negli Stati Uniti:

Visualizza tutto 20 animali che iniziano con L

Articoli Interessanti